L'Europa deve agire ora per garantire che tutti i rifugiati siano accolti nelle nostre comunità

Updated: 7 days ago

Ai capi di stato europei, a Charles Michel, presidente del Consiglio europeo,

A Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea,


Siamo solidali con la gente in Ucraina e con tutti coloro che sono costretti a lasciare le loro case a causa di questo conflitto. La storia e il presente hanno dimostrato innumerevoli volte che i più colpiti dalla guerra sono i civili.


Accogliamo con favore il sostegno dato ai cittadini ucraini che fuggono dal conflitto russo, in particolare l'applicazione immediata e rapida delle procedure di protezione e la libertà di movimento all'interno dell’UE.


Mentre milioni di rifugiati dall'Ucraina sono stati accolti a braccia aperte, le persone provenienti da Paesi dell’Asia e dell’Africa vengono accolte alle frontiere europee con violenza e trattamenti disumani. Dalla Grecia alla Spagna, dalla Polonia alla Lituania, le persone che cercano rifugio affrontano respingimenti illegali, detenzione, condizioni di vita disumane, mancanza di accesso ai servizi di base e limbo legale.


Mentre il regime di confine europeo rappresenta un ponte verso la sicurezza per gli ucraini, per altri rifugiati esso ha le apparenze di muri, recinzioni e campi simili a prigioni. Il supporto sia dai governi che dai cittadini nei confronti dell'accoglienza delle persone in cerca di rifugio dimostra che le risposte positive e comunitarie alla migrazione possono essere attuate di nuovo.


Chiediamo all'UE e a tutti i Paesi europei di far sì che la risposta alla situazione attuale serva da esempio per ulteriori discussioni sul funzionamento che un sistema di asilo comune ed equo in Europa dovrebbe avere, e come questo potrebbe essere raggiunto per tutti gli individui che cercano sicurezza, tanto nella teoria quanto nella pratica.


Chiediamo:


  1. Protezione per tutti e accesso all'asilo per tutti. L'Unione Europea e tutti gli stati in Europa devono proteggere il diritto fondamentale di chiedere asilo e garantire che tutte le persone che cercano rifugio, indipendentemente dalla loro origine o dal conflitto da cui fuggono, possano ricevere protezione e sicurezza. Gli stessi standard devono essere applicati per tutti. Qualsiasi azione che impedisca o blocchi l'arrivo di persone in cerca di rifugio è una violazione di questo diritto.

  2. Solidarietà europea e ricollocazione. Dopo il fallimento dell'UE di mettere in atto un meccanismo di solidarietà forte ed equo nel 2015 e 2016, questa è un'opportunità per sviluppare una rapida ricollocazione dalle regioni di confine alle città e comunità europee per le persone che attraversano i confini dell'UE.

  3. Condizioni di accoglienza dignitose. Tutti gli Stati europei devono garantire condizioni di accoglienza e di vita dignitose e impedire la costruzione di o chiudere strutture simili a prigioni circondate da filo spinato e muri. I rifugiati dovrebbero invece essere accolti da quelle città e comunità che si sono impegnate a farlo.

  4. Potere alle città. Centinaia di comuni in tutta Europa si sono impegnati ad accogliere richiedenti asilo e rifugiati. Gli Stati devono riconoscere il ruolo chiave svolto dai Comuni e dalle comunità nello sviluppo di progetti di accoglienza e integrazione che rappresentino soluzioni accoglienti, umane e sostenibili come alternativa ai campi profughi.

  5. Rotte sicure e legali. La tragedia umana in Ucraina mostra l'urgente necessità di istituire percorsi sicuri e legali per le persone che entrano nei nostri Paesi per richiedere la protezione internazionale. Le persone che sono costrette a migrare continueranno a farlo. Un approccio incentrato su confini forti e sulla deterrenza renderà solo più pericolose i viaggi delle persone migranti.


Aspettiamo la risposta dei presidenti del Consiglio Europeo e della Commissione e dei capi di Stato europei a questa petizione. Restiamo uniti nella convinzione che tutti i richiedenti asilo e i rifugiati hanno diritto a un'accoglienza dignitosa e umana e a modi legali e sicuri per raggiungere luoghi sicuri.


Unitevi a noi nel chiedere che l'Europa agisca e firmate la petizione.


List of co-signees and petition: https://www.change.org/WelcomeForAll